Fai da Te, Il Mio blog

5 consigli per non impazzire durante un trasloco

I mesi estivi per me e la mia famiglia sono mesi di continui trasferimenti:roma poi al mare dai miei genitori poi al paese di mio padre , si riparte per Firenze poi si torna a roma e poi si riparte per andare a trovare la zia in Abruzzo poi si va a trovare gli amici delle Marche poi si ritorna a Firenze, Roma, paese, mare , Firenze…..insomma un delirio 😅.

Tutte queste partenze e ritorni nel tempo mi hanno insegnato a viaggiare sempre più leggera e con bagagli ottimizzati.

Ma rimane il fatto che è sempre uno stress e un mini trasloco e proprio mentre mi rendevo conto che mi ero dimenticata di mettere una cosa nella mini valigia, mi è venuta l’idea di mettere nero su bianco quello che negli ultimi anni ho imparato sui traslochi.

Perché 4 traslochi in 5 anni vi assicuro che hanno lasciato il segno e qualche cosa di buono mi hanno insegnato.

Quindi ora partirò con 5 consigli ma non del tipo ‘prendi lo scatolone, imballa con le bolle , o scrivi quello che incarti ‘ perché questo ,oltre ad essere ovvio , è scritto ovunque e personalmente non ho mai avuto interesse a leggere quindi figuriamoci a scrivere.

Prima però diciamo una cosa: il trasloco è una delle cose che più destabilizzano e mettono sotto stress una persona addirittura, secondo alcuni studi, al pari di un lutto o un divorzio.

Si cambia casa, amici , città, abitudini…insomma si trasloca .

Quindi la regola principale è:

siate il più ottimisti possibile, cercate di trovare ,almeno nei primi momenti, tanti lati positivi.

Casa più grande, un nuovo lavoro entusiasmante, una città più bella e più stimolante, un nuovo amore …insomma quello che volete purché positivo.

Lo sconforto arriverà siatene certi ma almeno vi aggrapperete a quei bei pensieri e sicuramente la malinconia e la nostalgia passeranno prima.

Ora siete pronti ?si parte con i consigli

1. Decluttering

questa misteriosa parola….che non è nient’altro che ‘butta tutto quello che non serve

Organizzare un trasloco comincia da lontano, ovviamente se è possibile.

Siamo talmente abituati a vedere quel cassetto pieno di carte , piuttosto che l’armadio che strabocca di vestiti che non ci rendiamo conto di quanta roba conserviamo nelle nostre case senza un motivo reale.

Dopo i primi 2 traslochi mi sono resa conto che avevo decine e decine di scatole piene di cose che non utilizzavo mai e così ho cercato di capire come una ‘accumulatrice seriale ‘ come me ( almeno è così che mi chiama mio marito 😆) poteva risolvere il problema.

E visto che per me le soluzioni sono quasi sempre in un libro ho comprato

Una illuminazione !!

Non solo si fa spazio dentro casa seguendo il suo metodo ma si raggiunge anche una pulizia interna, emotiva.

La leggerezza che si ha vivendo in una casa più libera dagli oggetti è la stessa che si ha liberandosi dalle emozioni negative o dalle persone che non ci danno un valore aggiunto.

Ma , nel mio immenso cinismo, soprattutto si farà un trasloco più rapido e facile 😂.

Quindi buttate tutto quello che non usate , che non avete mai usato , che non vi piace.

2. Organizza e pianifica il più possibile

Forse è la parte più importante di tutte ma spesso presi dagli altri impegni ci si dimentica di organizzare e catalogare il più possibile.

Dobbiamo organizzare tutti documenti , bollette, fatture della vecchia casa in un faldone o in una scatola con scritto ben in vista a cosa si riferisce tipo corrente di via …… citta’……

forse per chi fa pochi traslochi può sembrare una cosa sciocca ma quando le città, le case e le vie si accumulano e ti arriva una notifica di qualche ente che vuole il pagamento di quella bolletta di quella casa dopo anni vi assicuro che avere tutto catalogato ti risolve velocemente il problema altrimenti rischi di impazzire.

Ma anche per chi fa un trasloco solo tra chiusure e aperture delle utenze per esempio avere chiaro quale bollette appartiene a quale casa fa la differenza.

Se cambiate anche città cercate di organizzare la vita vostra e dei vostri figli , se ne avete, il più possibile prima del trasloco.

Quindi iscrivetevi al corso di ballo o alla palestra come facevate prima, muovetevi già con le scuole contattando le direttrici e spiegando le vostre necessità , se avete figli contattate baby sitter o ludoteche così da avere un aiuto già appena arrivate etc etc.

Ad esempio per le gemelle per cercare di mantenere la vita più ‘normale ‘ possibile ho prenotato già prima del trasloco il corso di nuoto a Firenze cercando di mantenere giorni e orari come li avevano nelle Marche.

3 preparate una piccola borsa

Ok siamo arrivate a qualche giorno al trasloco.

Sia se fate da sole (chissà perché parlo sempre a voi donne 😜) sia se vi affidate a traslocatori professionisti preparatevi un piccola borsa con il necessario per la toletta , cambi per 3/4 giorni , le medicine che dovete prendere giornalmente o di cui avete bisogno, i documenti di identità.

Quando avrete imballato tutto e non troverete più niente quella borsa sarà tutto il vostro mondo .

4 disfare gli scatoloni

Ce l’abbiamo fatta il trasloco è fatto !!

siamo nella nostra nuova meravigliosa casa e la situazione è questa

Delirio vero?

come uscire da questo caos?

5 giorni!!!

Dovete mettercela tutta ma per esperienza vi dico che dovete fare tutto in massimo 5 giorni.

Dopo i 5 giorni la vita ricomincia a pieno ritmo.

Cucinare ,lavare i piatti , fare la spesa, ricominciare a lavorare, lavatrici e tutto quello che comporta la vita normale che si andrà a sommare agli scatoloni da sballare e non ne uscirete più .

Quindi dovrete fare tardi e svegliarvi presto ma dovrete aver messo in ordine tutto prima che la vita ricominci a pieno ritmo

Per 5 giorni riuscirete a mangiare fuori o a panini per più tempo sarà difficile, per 5 giorni riuscirete a sfruttare il cambio che avete preparato nella borsa del punto sopra senza accumulare altri vestiti da lavare.

Insomma fidatevi 5 giorni non di più !!!

5 meritato riposo

E finalmente si arriva qui al punto più bello perché il trasloco stressa e gli ultimi 5 giorni sono stati un massacro ma ora ci siamo…RIPOSO.

È finita!avete fatto tutto e quindi vi potete anche riposare , fate ciò che volete andate dove volete ma riposatevi!!!!

Spero che questa mini guida vi abbia aiutato ad impazzire un po’ di meno .

Se vi va di raccontarmi come vanno i vostri traslochi e darmi altri consigli potete farlo qui nei commenti o sui social.

Io tra 1 annetto ne dovrò fare un altro quindi sono sempre in cerca di dritte 😊

1 pensiero su “5 consigli per non impazzire durante un trasloco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *